Processo produttivo

L’unicità delle miscele Danesi deriva da un controllo costante ed accurato nella ricerca e selezione dei caffè crudi che le compongono, armonizzando tradizione e innovazione per garantire la massima qualità del prodotto.
La garanzia della qualità dei prodotti a marchio Danesi nasce, soprattutto, dal lavoro costante di donne e di uomini, oltre che dall’uso innovativo della tecnologia.
L’aroma, il sapore e l’aspetto di un caffè riflettono la passione e la cura di chi, ogni giorno, lavora per creare un prodotto di alta qualità.
Selezione, miscelazione, tostatura, macinazione, gesti arcaici e fondamentali tramandati nel tempo, raggiungono, attraverso sofisticati impianti, altissimi livelli di controllo. Il processo di torrefazione viene realizzato attraverso tecniche miste di convezione e conduzione di calore. Per la tostatura vengono applicati tempi lenti e graduali.
Il risultato è un prodotto dal carattere unico, un’Azienda che, lontana dal clamore mediatico, lavora da sempre coltivando un sogno: offrire al consumatore l’aroma della qualità.

Certificazioni

Nel 1999 la Danesi Caffè ha ottenuto la prima Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità secondo la UNI EN ISO 9001 per “Sviluppo, Produzione, Confezionamento e Distribuzione di Caffè Torrefatto Macinato ed in Grani”.
Nel 2012, da sempre sensibili al rispetto dell’ambiente, abbiamo integrato il nostro Sistema di Gestione con la Certificazione Ambientale secondo la UNI EN ISO 14001 e nel 2014 con la Certificazione del Sistema di Gestione Integrato per la Sicurezza Alimentare secondo gli Standard IFS – International Food Standard (Higher Level) e BRC – British Retail Consortium (Grade AA), nell’ottica del miglioramento continuo dell’organizzazione Aziendale.
In particolare i nostri obiettivi sono:
▪ garantire un controllo efficace dei fattori di rischio dei processi di produzione;
▪ assicurare un prodotto conforme ai requisiti legislativi e regolamentari applicabili per la sicurezza alimentare;
▪ dimostrare la propria capacità di fornire con regolarità un prodotto che soddisfi i requisiti del cliente e quelli cogenti applicabili;
▪ accrescere la soddisfazione del cliente secondo la logica del miglioramento continuo;
▪ comunicare in modo efficace le problematiche di sicurezza alimentare ai propri fornitori e clienti e relative parti interessate nella filiera alimentare;
▪ definire gli aspetti ambientali significativi al fine di tenerne sotto controllo i relativi impatti mediante il monitoraggio continuo delle proprie performance.

I controlli eseguiti presso lo stabilimento di produzione sono di tipo visivo, quantitativo, organolettico-sensoriale, documentale, strumentale e microbiologico (secondo il Piano di Campionamento previsto nel Manuale di Corretta Prassi Igienica), inoltre, periodicamente, secondo quanto previsto dal Programma di Audit Interni, il Gruppo di Audit Interni provvede alla verifica della corretta applicazione delle procedure.
Ilaria Danesi, responsabile della qualità e degli acquisti del caffè crudo della Danesi caffè, ha ottenuto nel 2013 la certificazione di Q Arabica Grader, frequentando con successo il corso del CQI (Coffee Quality Institute) della durata di sei giorni che prevede la formazione e diverse prove individuali sulle varie tematiche legate al caffè, tra cui la classificazione del caffè verde, l’assaggio, l’analisi del tipo di tostatura, test di verifica delle abilità sensoriali e olfattive, compresi metodi triangolari, oltre ad una prova scritta sulla cultura e la conoscenza del caffè.
Chi possiede la certificazione di Q Grader è un esperto in grado di esaminare e valutare accuratamente la qualità del caffè attraverso i protocolli di classificazione e degustazione previsti dalla SCAA. Al mondo esistono circa 4000+ esperti in possesso di questa certificazione, l’unica che ad oggi è riconosciuta a livello internazionale per gli assaggiatori di caffè.
Dei circa 4000+ esperti, 6 si trovano in Italia, ed uno di questi è la nostra Ilaria.